RACCOLTA OLIVE 2016

Siamo a Novembre di un annata particolarmente sfortunata.

Quest’anno c’è stata una rara combinazione di : punture della mosca, anticipo della maturazione , poche olive.

In realtà probabilmente la scarsità delle olive causa una maggiore presenza di olive punte dalla mosca. Nonostante il posizionamento di circa un centinaio di trappole con la sarda (tutte le bottiglie appese traboccavano di mosche morte) le poche olive presenti hanno catturato l’attenzione delle mosche sopravvissute.

Questo fenomeno non rappresenta un gran problema per me in quanto raccogliendo le olive in ottobre ,prima che la maturazione sia completata (quando le olive sono ancora verdi) , l’effetto ed il danno della puntura non influenza granchè la qualità finale ma la resa è decisamente bassa, come descritto negli articoli passati.

Quest’anno, dicevo, la maturazione anticipata di un mese ha di fatto rovinato le rare olive presenti. Poco male comunque perchè non avevo neanche un oliva.

Fortunatamente da 2 anni a questa parte ho preso in gestione un terreno con ulivi a 20km circa da Ceglie, seguendo infatti i consigli degli vecchi residenti, i quali usavano comprare terreni diversi a km di distanza perchè se in una zona si potevano creare condizioni di cattiva impollinazione dei frutti a 20 km di distanza le cose potevano andare diversamente ,infatti  sono riuscito a recuperare una quantità minima per me

.L’acidità ricavata al frantoio era 0,7 ,decisamente la più alta da quando faccio l’olio, ma il profumo di oliva schiacciata il gusto leggermente pizzicante e soprattutto la sicurezza che non c’è un grammo di insetticida o erbicida dentro lo rende sempre un olio sempre più unico.

 

RACCOLTA OLIO 2015

Quest’anno ,dalle mie parti, ce lo ricorderemo un bel pò.

Dai 5 anni anni che raccolgo olive su questo terreno non è mai successo di avere qualità e quantità coincidente in questo modo.

Considerato il fatto che non faccio uso di insetticidi (al loro posto uso trappole all’acciguga) so di dover “sacrificare” la parte di raccolto che inevitabilmente è colpita dalla mosca, lasciandola sugli alberi per gli uccelli o lasciandole cadere per autoconcimazione.

Quest’anno invece erano tutte sane e ho potuto raccogliere tutte le varietà di olive in campo (più di 6) ,tutto a vantaggio della qualità dell’olio. In frantoio la misurazione dell’acidità non ha mai superato 0,2.Ad un certo punto ho pensato perfino che la loro misurazione non fosse precisa e l’ho comparata con una misura di  laboratorio, confermando il valore di 0,2 .

Neanche la resa è stata così malvagia, dai 7 kg di olio a quintale di olive degli altri anni abbiamo avuto in media 9 kg/qle di olio.

Tutto questo alla faccia delle “partita iva” (aziende ,imprenditori agricoli ecc.) che pompano veleni come dannati.

Il filmato di sopra dà l’idea delle mie raccolte “in solitaria”, confrontando la quantità tirata giù quotidianamente da solo con quella di gruppo pro capite, non ci sono differenze significative.

Nel post disotto ho descritto più nel dettaglio un analisi indicativa dei costi di produzione.

Ho ricevuto richieste di olio “aromatizzato”, la risposta è che sono contrario a qualsiasi tipo di raffinazione, aggiunte di sostanze esterne e persino filtraggi meccanici. La maggior parte degli aromi negli oli sono prodotti da aggiunte fatte a parte.

Sotto i miei olivi ci sono così tante piante di  asparagi che se l’olio dovesse prendere il loro aroma si potrebbe fare un riso agli asparagi con il solo condimento dell’olio. Ma così evidentemente non è!

MA QUANTO COSTA PRODURRE 1 LITRO DI OLIO E.V.O. ?

In questo post voglio riportare un pensiero che mi frulla in mente ogni anno mentre sto con il naso all’ in su a raccogliere le olive:  l’analisi stechiometrica dei costi di produzione di un litro di olio per un microagricoltore.
Come microagricoltore ,faccio ben notare, non ho mutui da pagare per l’acquisto di trattori e attrezzo scuotitore (che attraverso lo scuotimento del tronco dell’albero butta giù le olive), non devo pagare assicurazioni dei mezzi, non devo pagare operai (circa 6 per lo spostamento delle reti) e relativi oneri, non devo pagare le irrorazioni di insetticida per la mosca e veleno diserbante per le “erbacce” (con trattore) . Infatti non dovendo sostenere spese posso “permettermi “di avere un raccolto inferiore in quantità (come l’anno passato è successo ,per tutti) e anticipare gli effetti delle eventuali punture di mosche che avranno evitato le trappole con l’acciuga, anticipando la raccolta ,raccogliendo cioè quando le olive sono ancora verdi, aumentando nel contempo la qualità dell’olio ma a scapito della resa (olio/olive) . Cioè anzicche produrre 18 , 25 kg di olio per quintale di olive ne tiro fuori 7 o 10 kg/qle
Perciò:

  1. In una giornata di lavoro di 8 ore si raccolgono in media 150kg di olive (si tratta di una media condizionata dal tipo di oliva raccolta e allo stato di potatura dell’albero, ecc).
    Considerando lo stato immaturo dell’oliva la resa sarà bassa. Può variare da 7 a 10kg di olio per quintale di olive sono 10 o 15kg di olio ovvero 1,45 ore/kgolio
  2. benzina per andare al frantoio bio (30km) =4€ ogni 3 qli = 16cent€/kgolio
  3. tempo per macinare : 4 ore in media ogni macina di 3 qli = 10 min/kgolio , considerando che è imperativo essere presenti alla spemitura per evitare il possibile scambio di cassone di olive e ritrovarti l’olio di un’altro (a causa del notevole traffico di cassoni), che la spremitura avvenga nella macchina giusta e senza problemi tecnici
  4. Costo per macinare 1 qle di olive  13,2€. = 1.55€/kgolio
  5. costo lattina da 5litri 2€, 40cent€/kgolio
  6. tempo per la potatura di alberi (ogni 2 anni)  producenti 1 qle di olive , in media di 6 alberi piccoli ( 15min/albero) o 4 medi (30min/albero)  (dipende molto dal tipo di oliva , l’albero della “bitontina” produce molto di più della “inchiostr” per cui occorrono meno alberi per fare 1qle di olive) = 7,5min/kgolio (15min/kg ogni biennio)
  7. diserbante , insetticida e benzina per il pompaggio = 0€
  8. costo spedizione 1€/kgolio

TOTALE COSTO DI 1 KGOLIO = 3,11€/kgolio + 1,7 ore/kgolio ovvero 2,69€/litroolio + 1,47ore/litrolio

La domanda è : Se ci volgiono 2,7€ per fare 1 litro di olio, quanto si deve far pagare 1 mia ora di lavoro ?

p.s.

chi pensa che la macchinizzazione diminuisca il costo di produzione, nel caso di “vere” aziende biologiche, si deve tener conto che i gudagni derivati dal basso costo di raccolta si devono ripartire negli anni bui di mancata produzione a parità di costi dovuti a mutui, bollette ,oneri vari.

ecco perchè lo stato permette anche alle aziende Bio di tagliare (miscelare) l’olio con dell’altro olio di incerta provenienza (se non sbaglio fino al 20%)