GRANO CANADESE IN ITALIA,SEQUESTRATO

Sequestrato il grano canadese che da anni arriva in italia per eliminare l’agricoltura italiota (vedi post precedente) perchè impestato di erbicida Glifosate tanto amato dai contadini (anche nostrani).

Grazie al CETA ,il trattato transatlantico in discussione in parlamento , il sequestro del grano (e di ogni altro prodotto agricolo e alimentare ) non serebbe possibile, pena l’acquisto del prodotto avvelenato da parte dello stato e la sua successiva eliminazione dal commercio .

Un centinaia di tonnellate sono comunque arrivate a destinazione a mulini , pastifici, fornai.

Buon appetito!

 

La “Guerra del grano” (ma non solo) Pugliese

Anche quest’anno in piena mietitura del grano si sono presentate le solite navi-cisterna cariche di grano Canadese nei porti Pugliesi.

In dettaglio, la nave “CMB Partner” ,salpata un mese fa da Vancouver , è arrivata alcuni giorni fa al porto di Bari con un carico di 60.000 Ton di grano “al glifosate”(*) ultra concentrato di glutine (contiene oltre il 40% di  proteine) misto alla “polvere bianca”(insetticida) che lo protegge dagli attacchi di roditori, acari e altri insetti durante il lungo e caldo viaggio oceanico. Non si può dire che sia anche OGM perchè nessuno richiede questo tipo di analisi.

La puntualità di questo appuntamento, che fa coincidere la raccolta di grano, mandorle , olive ecc….  con navi cariche dei relativi prodotti è la chiave per capire le ragioni del perchè il mercato in regime di libero scambio sia così tanto ambito dai globalizzatori neo-liberali .

In fase di raccolta dei vari prodotti agricoli ,in questo caso durante la mietitura del grano, in base alle quantità e qualità dei semi si stabilisce il Prezzo al quintale, per poi essere venduto agli avvoltoi terzisti che lo rivendono a loro volta ai mulini, pastifici, panifici eccetera.

In questo momento delicato si decide la sorte delle piccole e medie imprese agricole nostrane in quanto se il guadagno finale non fa recuperare le spese, il produttore locale fallisce.

Ed è in questo momento che il suddetto avvoltoio, che fa da tramite tra produttore ed il manipolatore  , si avvicina al produttore e lo ricatta col grano estero giacente nei porti locali :”se non abbassi il prezzo compro quello estero”.

E’ questa la ragione per cui ,grazie anche alla deregolamentazione dell’etichettatura desiderata dalle multinazionali e realizzata dalle istituzioni europee, tante imprese agricole ,ogni anno , chiudono e i terreni abbandonati.

Quelle che sopravvivono si adattano al mercato adottando, semi sempre più carichi di glutine (perchè richiesto dai pastifici e panificatori)  e tecniche desertificanti come l’ uso di glifosate.

Grazie all’approvazione del CETA (accordo che deregolamenta ulteriormente il commercio tra Canada e UE ) da parte dell’europa e consiglio dei ministri italioti ,ma che deve ancora passare dal parlamento, arriveranno ufficialmente anche i semi OGM.

Nel frattempo le associazioni e confederazioni agricole pugliesi hanno ben pensato di aspettare l’arrivo della nave contenente grano canadese fuori dal porto per seguire i vari TIR-silos carichi di grano che uscendo dal porto si dirigono a destinazione (pastifici,mulini vari) per poi sputtanarli, visto che l’europa non protegge il consumatore tramite l’etichittatura lo faranno loro comunicando i pastifici italiani che utilizzano grano “estero”.

Il prossimo appuntamento con le navi ammazza-agricoltura sarà per agosto, con un carico di mandorle Californiane. Poi a fine Novembre con le olive Tunisine che magicamente si trasformeranno in Olio 100% Italiano.

 

(*) Il ben noto erbicida “Glifosate” della monsanto è utilizzato dagli agricoltori Canadesi (ma anche Italiani) prima della semina per evitare la fuoriuscita di erbacce, viene assorbito dal grano (riscontrabile solo da analisi appropriate). Da quando la Monsanto nel 2016 è diventata tedesca ,ciò che la IARC aveva classificato  “probabile cancerogeno”  lECHA ( l’agenzia europea per le sostanze chimiche) lo ha dichiarato un “toccasana” per la salute umana.

 

 

 

 

E’ FEBBRAIO E LA NATURA SI RISVEGLIA

Dopo l’incredibile gelata di quest’anno in cui le temperature sono arrivate a -10°C , che ha fatto seccare le piante orticole, limoni , piante grasse  , e piante tropicali (nonostante protette) , oltrecchè fare esplodere contatori e tubi dell’ acquedotto di mezza valle d’Itria , ecco che appaiono le prime giornate di sole (quando non offuscato dalle scie chimiche) che unite all’allungamento delle giornate determina il risveglio della Natura.

Le gemme dei Mandorli ,i primi alberi a frutto a risvegliarsi dal letargo invernale, sono già andati in fiore. Non ho fatto in tempo ad alleggerirli dai rami più vecchi in quanto per non incorrere nel rischio “gelate” ho aspettato 2 giorni di troppo. Potarli ora rischierei di causare infezioni pericolose.

Il periodo della ripresa vegetativa è l’ideale per gli Innesti .

Non è un attività che faccio volentieri in quanto non mi piace l’idea di forzare l’esistenza di piante selvatiche per i nostri egoistici interessi ma se penso che l’alternativa era eliminarle in quanto i Caki hanno formato ormai un boschetto tra gli ulivi , tra i due mali penso che l’innesto sia il minore.

E quindi ho preso delle marze da un albero ,sempre Caki , che produce già a fine luglio più altre marze da un altro albero che produce a fine novembre e le ho innestate (per la prima volta) sui selvatici .

Squdettospacco?spaccocoronecoronecorona

 

COSTO AMBIENTALE DELL’ALIMENTAZIONE ONNIVORA

In questo post elenco qualche dato ,confermato dalle istituzioni internazionali ,riguardo al costo ambientale dell’alimentazione onnivora comparata a quella vegana (senza carne e derivati animali come latticini,uova ecc..).

-Costo in termini di occupazione del terreno necessario per nutrire una persona a dieta ONNIVORA = 37152m2 di terreno ; dieta VEGANA = 688m2      (non esiste sufficiente terreno sul pianeta per alimentare la sua popolazione con dieta onnivora, al contrario della dieta vegana)

-Costo in termini di desertificazione del terreno  (dove non è più possibile la riutilizzazione agricola del terreno ) :dieta ONNIVORA  = 246.000 km2

-Costo per deforestazione per la creazione di nuovi pascoli: dieta ONNIVORA = 1 ettaro al secondo    (tra 10 anni,di questo passo avranno tagliato l’intera Amazzonia)

-Costo di acqua potabile per produrre 100 grammi di carne = 2500 litri d’acqua

-Costo di acqua potabile per produrre 100 grammi di ceci = 0  (basta quella piovana)

-Costo in materia di gas serra della dieta ONNIVORA = 55% del totale prodotto da tutte le attività umane messe insieme (dati della Banca Mondiale)

In altri termini tra non più di una decina di anni o passeremo tutti al Veganesimo oppure la popolazione mondiale dovrà velocemente ridimensionarsi.

 

Il  videodocumentario da cui i dati succitati sono estratti è Cowspiracy di K.Andersen , ne consiglio la visione.

Il documentario dimostra inoltre la  collusione che c’è tra le organizzazioni ambientaliste mondiali (tipo Greenpeace )  e le multinazionali della carne in quanto nascondono totalmente l’esistenza del problema.

REFERENDUM 2016 : IO VOTO NO !

Perchè?

Perchè se questo referendum si fosse svolto 1 o 2 anni fa ed avesse vinto il SI, con la successiva modifica del Titolo 5 della costituzione , davanti alla bellissima costa di Monopoli, Ostuni ,o Gallipoli , o Taranto, avrebbero già costruito entro e oltre le 12 miglia, le trivelle, di proprietà estera, per estrarre il petrolio destinato sempre all’estero. In cambio di una tassa per l’utilizzo del suolo pubblico (ridicolmente bassa) ,noi avremmo potuto nuotare quest’anno tra le piattaforme ed i liquami da esse furiusciti per gli scavi e l’estrazione. Senza contare le fuoriuscite di petrolio come quella di quest’anno in Egitto !

Questa è solo una delle ragioni per votare NO! e sicuramente non è la più importante!

referendum2

Con la vittoria del si , si costituzionalizzerebbe l’asservimento militare (Eurogendfor al posto delle nostre forze dell’ordine), politico finanziario (c’è già ma è anticostituzionale,appunto) alla commissione europea ,che come ben saprete (?) è costituita da membri (notare il doppio senso) NON ELETTI e  godono di IMPUNITA’ TOTALE e a cui è delegato il potere di emanare leggi!

Un altra ragione, quella chiave, è che faciliterà (sottraendola una volta per tutte alla volontà dei cittadini) definitivamente il cambiamento dei futuri cambi di Costituzione. Quei cambiamenti a cui Merryl Linch e gli altri attori finanziari mondiali si riferivano nel 2005 quando minacciavano di non investire in italia se non avessero fatto queste modifiche: 1-rendere inefficaci i referendum. 2-eliminare il Demanio del stato. 3-vendere una volta per tutte la Golden Share dello Stato sull’industria italiana. 4-accentrare i poteri delegati ai comuni e regioni (Titolo5 della C.) al governo centrale. 5-concentrare i poteri al primo ministro.

Se avete figli vi consiglio di darvi da fare perchè vinca il NO!

ACQUE GRIGIE, PERCHE’ INFOGNARLE?

Dedico questo post al girasole…

o

….cresciuto in questo clima arido ingozzandosi comunque di acqua.. grigia.

Durante i lavori di ristrutturazione fatti (da me) prima di entrare in questa casa ho pensato bene di deviare le acque provenienti da lavandini, bidet, doccia dalla destinazione originaria (fossa nera) al terreno retrostante.

Purtroppo per una questione di livelli e rocce sottostanti al terreno non ho potuto fino ad ora realizzare una vaschetta di raccolta con relativo sistema di fitodepurazione per il successivo riutilizzo in orto.

Il problema del recupero diretto delle a.g. deriverebbe dall’uso di solventi e saponi e relativi principi attivi che non sono altro che elementi chimici sintetici che avvenelebbero le piante.

Partendo da ciò ho pensato di produrre da me saponi e detersivi utilizzando elementi naturali, tipo limoni, sale, aceto ,olio di oliva, cenere ,soda … tutti elementi che combinandosi tra loro producono solventi compatibili con la vita delle piante.

aaa 006

Sono passato così dal grigio delle acque al giallo del girasole

 

 

PANNELLI SOLARI PER L’ACQUA CALDA

Continuando la serie di post  “non solo agricoltura” , ecco un altro modo di riciclare , in questo caso trattasi di energia.
Ho costruito 2 tipi di pannelli per il riscaldamento dell’acqua calda, uno in versione Eternum e l’altro in versione Low Cost.
L’Eternum è fatto in tubi di rame su collettore ferro zincato su finestra , il Low Cost invece l’ho fatto utilizzando tubi per irrigazione PN6 legno e tela di plastica per serre ,fatto appunto per rispariare.
A parità di superficie di ingombro, il lowcost ha 5 volte più superficie di scambio termico.

aaa 009 aaa 006 aaa 007 aaa 008